Si apre con l’Orchestra Popolare “La Notte della Taranta”, il 23 novembre, la 75a stagione degli Amici della Musica di Taranto

Si apre il 23 novembre con
l’Orchestra Popolare “La Notte della Taranta” la 75a
Stagione concertistica degli Amici della Musica Arcangelo Speranza, la più longeva associazione musicale pugliese. Sarà una grande festa, al Teatro Orfeo, con la formazione che continua ad esportare nel mondo la musica popolare salentina,
come ha fatto nei giorni scorsi a New York sfilando con i suoi musicisti per
la parata del Columbus Day.

È il primo dei diciannove appuntamenti in programma al Teatro Orfeo (e altri
luoghi) sino al 21 giugno con proposte che spaziano dalla classica al
musical sino all’operetta. Tra i protagonisti, la cantante Irene Grandi con
Pastis (4 dicembre), il Premio Oscar Nicola Piovani (11 febbraio), Elio
delle ormai disciolte Storie Tese (19 marzo) e uno dei grandi di sempre del
pianoforte, Vladimir Ashkenazy, di scena con il figlio Vovka (16 aprile).
Accanto al cartellone principale, la tradizionale sezione «Young» (nel
Salone della Provincia) riservata ai giovani interpreti.

Dunque, si parte il 23 novembre con l’Orchestra Popolare “La notte della
Taranta” e si prosegue il 4 dicembre con il progetto Lungoviaggio che vede
insieme Irene Grandi (per lei 25 anni di carriera) e i video-artisti Marco e
Saverio Lanza (in arte Pastis) mescolare dodici canzoni e altrettanti video
dall’impatto decisamente originale, con interventi in differita di Vasco
Rossi, Samantha Cristoforetti e Tiziano Terzani.

Il 14 gennaio gli Amici della Musica accendono i riflettori sul giovane
compositore e direttore d’orchestra tarantino, Nadir Garofalo, allievo di
Donato Renzetti, del quale l’Ensemble Orchestra Taras esegue un nuovo pezzo
intimamente legato al celebre Preludio al pomeriggio di un fauno di Debussy,
cui è ispirata anche l’immagine realizzata da Alice Padovani per la 75a
Stagione concertistica.

Il pianoforte, che è lo strumento principe dell’intera programmazione, entra
in scena il 20 gennaio per la sezione “Young”con l’esibizione di Matteo
Cardelli, finalista dello scorso International Piano Competition “Arcangelo
Speranza”.

L’operetta, con La vedova allegra di Lehár, torna il 22 gennaio con la
storica Compagnia Italiana di Operette, evento organizzato in collaborazione
con l’Associazione “Mario Costa” diretta da Sabino Dioguardi, mentre il 3
febbraio è previsto il concerto del percussionista Michele Santoro (Young).
Quindi, l’11 febbraio, è la volta del Premio Oscar Nicola Piovani, seguito
il 17 febbraio dalla violinista Celeste di Meo (Young).

Si cambia registro il 22 febbraio con il musical internazionale The Black
Blues Brothers nel quale il mito creato da John Belushi e Dan Aykroyd viene
rivisitato da cinque acrobati africani sulla colonna sonora del celebre film
di John Landis.

Si torna alla classica il 3 marzo con il trio chitarristico
Bonasia-Delfino-Rizzo (Young), l’11 marzo con il virtuoso del pianoforte
Francesco Caramiello e il 17 marzo con un’altra giovane interprete della
tastiera, Kateryna Khomiakova (Young).

Il 19 marzo è il giorno di Stefano Bellisario, in arte Elio, che presenta
l’originale e divertente rilettura del Flauto Magico di Mozart nella doppia
veste di narratore e baritono. Infatti, non solo dà voce ai vari personaggi
ma interpreta anche la celebre aria e i duetti del buffo uccellatore
Papageno.

Per gli Amici della Musica primavera fa rima con pianoforte e i suoi grandi
interpreti. Il 2 aprile arriva Orazio Sciortino, multiforme talento in
grande ascesa sulla scena internazionale. E poi, il 16 aprile, uno dei
giganti dello strumento, Vladimir Ashkenazy che, com’è ormai sua abitudine,
suona con il figlio Vovka. A suggellare il periodo, dal 16 al 18 maggio, la
57a edizione dell’International Piano Competition.

Chiudono la Stagione i Concerti nel Chiostro. Quest’anno tocca al Mudi
(Museo diocesano) ospitare i quattro appuntamenti en plein air. Si parte il
27 maggio con il flamenco di José del Tomate & Kiki Cortinas, si prosegue il
7 giugno con la performance di Adriano Maria Fazio (violoncello) e Damiano
Bigi (danza) e il 14 giugno con quella di Francesco Libetta (pianoforte) e
Giulio Galimberti (danza) per chiudere il 21 giugno ancora nel segno del
pianoforte con Danilo Tarso e il suo progetto jazz Wormhole, del quale è
ospite il sassofonista Logan Richardson.

Grazie ad un’intesa tra Amici della Musica e Amministrazione Comunale, le
scuole tarantine usufruiranno a rotazione di venti biglietti gratuiti per
ogni spettacolo.

La Stagione anche quest’anno è organizzata sotto l’egida del Ministero per i
Beni e le Attività Culturali e gode dei contributi di Regione Puglia, Comune
di Taranto e Provincia.

Info  <http://www.amicidellamusicataranto.it> www.amicidellamusicataranto.it
– 099.730.39.72.

Lascia un commento