A Taranto tutto pronto per il Festival delle culture al Femminile del Mediterraneo

Da domenica 16 settembre Taranto accoglierà la nuova edizione del Festival delle culture al Femminile del Mediterraneo, organizzata da Donna A Sud e dedicato alla memoria di Paola Clemente, la bracciante agricola morta di fatica nei campi pugliesi nell’estate del 2015, e alle tante donne- coraggio, tra cui Rita Borsellino, che col loro impegno civile nel nome degli ideali di giustizia e libertà, sono diventate punti di riferimento per la legalità, l’antimafia e la giustizia sociale. La manifestazione che si svolgerà fino ad ottobre, e che si ripete come ogni anno dal 2011, richiamerà nella Città dei due mari, tanti nomi e volti noti, donne che si sono distinte nei numerosi ambiti della cultura. Appassionate e battagliere, coraggiose e creative, donne della letteratura e del giornalismo, donne che operano nella ricerca e nel sociale, donne dalle mille sfaccettature si confronteranno in questo percorso di riflessione femminile, con uno sguardo che va oltre le differenze, mai dimenticando la storia delle donne.

La prima giornata, domenica 16 settembre, si aprirà con un convegno dal titolo “Ad occhi aperti: Donne, coraggio e giornalismo”. All’incontro che si terrà alle ore 18 presso il Salone degli Specchi, a Palazzo di Città, parteciperanno i grandi nomi del giornalismo italiano:

Ritanna Armeni (giornalista di Huffington Post, autrice di “Una donna può tutto. 1941: volano le Streghe della notte”) e Emma Barbaro (Giornalista, caporedattrice del periodico Terre di frontiera) verranno intervistate da Rossella Matarrese giornalista e conduttrice Tg3 PUGLIA. Maria Cuffaro (inviata e conduttrice del Tg3 e autrice del libro “Kajal. Le vite degli altri e la mia”), e Cristina Mastrandrea (fotoreporter, giornalista e videomaker) saranno intervistate da Angelo Di Leo direttore de La Ringhiera;

Il giornalista Mimmo Mazza (capo redazione de La Gazzetta del Mezzogiorno- Taranto) intervisterà Marilena Natale (collaboratrice dell’emittente televisiva locale ‘Più N News’ giornalista anticamorra sotto scorta) e Maristella Bagiolini (giornalista free lance per testate giornalistiche nazionali e locali). Durante l’incontro sarà proiettato il cortometraggio “La Giornata” diretto dal regista Pippo Mezzapesa, che racconta il dramma della bracciante Paola Clemente.

La stanza di Palazzo di Città si riempirà di ulteriori contenuti grazie alla Poesia in vernacolo tarantino di Paola Vozza, alla performance di Maria Caniglia, e alla musica a cura di Melga e Sofia D’Elia. Durante l’incontro sarà organizzato un Laboratorio per bambini a cura della Libreria Ciurma (col contributo di cinque euro), per dare la possibilità anche ai genitori di godere a pieno dell’iniziativa, e sarà allestito un Book Point a cura della Libreria Mandese di Taranto.

Sarà il coraggio il fil rouge dell’intera manifestazione, che troverà ampia espressione anche nel secondo incontro dedicato ad un tema molto attuale quale quello del racconto giornalistico dell’immigrazione, che deve fare i conti con l’ondata di razzismo fobico sempre più presente e pressante. Il Prossimo incontro dal titolo “Immagini e storie del Mediterraneo si terrà Ii 19 settembre dalle ore 18 a Palazzo Pantaleo L’immigrazione raccontata dalle donne”. Madrina del Festival delle culture al Femminile del Mediterraneo 2018 sarà l’attrice Nadia Kibout, regista e produttrice di “Le Ali Velate”.

Il Festival vede la direzione artistica di Tiziana Magrì ed è il risultato del lavoro di tanti anni di attività e di esperienze di Donna A Sud al fianco delle donne. E la stessa Magrì che è anche ideatrice del Festival dichiara che “in un’epoca ancora molto avara che nega diritti fondamentali come il lavoro, e la parità in diversi ambiti della vita a molte donne, si impone la necessità di creare una rete di relazioni e di comunicazione, che non può che derivare e partire dalle donne stesse. E’ proprio dalle donne, dalle loro storie di vita e di lavoro che parte il Festival delle Culture femminili nel Mediterraneo, che si pone l’obiettivo di garantire e favorire l’integrazione di donne migrate e disagiate anche attraverso progetti d’inclusione al lavoro ”.

La minifetsazione è patrocinata dal Comune di Taranto, dall’Ordine dei Giornalisti di Puglia, dalla Regione Puglia- Assessorato al Turismo e alla Cultura, e dalla Consigliera regionale Pari Opportunità; sostenuta da IWOMAN, LIBERA Taranto – CGIL Taranto, Confassociazione Puglia.

Lascia un commento