Il pericolo Seu incombe sui bambini. Non è emergenza ma bisogna prevenire il contagio. Iniziativa Confcommercio-Asl

La SEU (Sindrome Emolitica Uremica) è la causa dei due ultimi decessi di piccoli pazienti ricoverati presso i nosocomi baresi. In queste ore si è registrato il quarto caso in pochi giorni, non si tratta di una vera e propria emergenza, ma certamente la Puglia è una regione attenzionata considerato che nel 2017 si registrarono otto casi di bimbi che, al ritorno a casa dopo le vacanze, svilupparono la malattia. Stesso discorso per l’Anisaki. Per questo Confcommercio Taranto e Asl lanciano una campagnai di informazione congiunta.

Le autorità sanitarie con l’arrivo della stagione estiva hanno messo in atto un piano di azione incentrato su i controlli alla filiera alimentare per evitare il diffondersi del contagio. L’infezione può essere trasmessa per via alimentare, da ambienti contaminati o per contatto da animali infetti.

I dirigenti dell’ASL TA, recentemente, hanno incontrato i tecnici della Confcommercio jonica per valutare le azioni da intraprendere per informare gli operatori del settore alimentare in particolare della produzione e vendita di carni, prodotti lattiero caseari, della ristorazione. Si è deciso di avviare una campagna di sensibilizzazione degli operatori e dell’opinione pub

blica, finalizzata a diffondere le buone prassi per la prevenzione contro la SEU. A breve, intanto, l’ASL inizierà l’azione di controllo delle attività, sarà pertanto importante che gli operatori del settore alimentare siano adeguatamente informati.

Controlli che si estenderanno anche alle pescherie interessate all’altra problematica dell’Anisakis, che colpisce il consumatore che ingerisce pesce contaminato poco cotto o addirittura crudo; anche in questo caso la Confcommercio avvierà una campagna di informazione.

Lunedì 25 giugno, alle ore 9.30, nella sede di Confcommercio –v.le Magna Grecia 119- i dirigenti dell’ASL, che hanno collaborato al progetto, parteciperanno alla conferenza stampa di presentazione del progetto di prevenzione contro le tossicità alimentari .


Lascia un commento